Sospesi i lavori a Spalmatore

.

La denuncia del Gruppo d’intervento giuridico Onlus di Cagliari:

«L’ordinanza non è all’albo pretorio del Comune»

«Cantiere in contrasto col Piano casa»

.

LA MADDALENA – Con una ordinanza in autotutela emessa dal Dirigente l’Ufficio Tecnico del Comune di La Maddalena, la n. 1 del 19 gennaio u.s. – che, peraltro, non risulta affissa all’albo comunale, sono stati sospesi i lavori di ristrutturazione e ampliamento del complesso commerciale di Spalmatore, oggetto di numerose proteste da parte del Gruppo d’intervento giuridico Onlus di Cagliari.

L’associazione ambientalista, ha segnalato il caso ripetutamente alla Procura della Repubblica di Tempio Pausania, chiedendo sia all’Ente Parco e al Comune di La Maddalena informazioni sui lavori di ristrutturazione del complesso di Spalmatore, confinante con il demanio marittimo.

«Il servizio Tutela del paesaggio di Sassari della Regionedichiara Stefano Deliperi del Grig rispondendo alle istanze della nostra associazione, informa che il Comune due settimane fa ha emanato un’ordinanza di sospensione lavori di cui non c’è traccia nell’albo pretorio. I lavori quindi sarebbero stati sospesi dopo avere riscontrato l’avvenuta completa demolizione della struttura per la successiva ricostruzione e l’ampliamento, in contrasto con le norme regionali. L’Ente Parco nazionale dell’arcipelago maddalenino il 18 gennaio u.s., con una nota, ha contestato alle altre amministrazioni pubbliche competenti – (note del 14 settembre 2015 e del 18 dicembre 2015) – una serie di carenze progettuali e procedurali. In particolare il presunto illegittimo aumento di volumetrie; la relazione di incidenza ambientale, base della procedura di valutazione di incidenza ambientale, non è conforme alle disposizioni di legge e non si evince uno studio/rilievo puntuale degli habitat e delle specie presenti nell’area interessata dal progetto».

Sostanzialmente – conclude Stefano Deliperi – per questi lavori di Spalmatore non risulta il nulla osta del Parco e il cantiere è in contrasto con il Piano paesaggistico regionale.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.