I Cinesi pronti ad investire in Sardegna

.

Il Fondo governativo Cinese incontra il Presidente Pigliaru a Cagliari

.

CAGLIARI – Una Operazione personalmente seguita dal Presidente Francesco Pigliaru nell’interesse esclusivo di tutta la Sardegna. Un flusso di crociera che farà tappa nell’Isola e poi infrastrutture turistiche: sono le proposte messe sul piatto da Only Italia per conto di Golden China Fund, il fondo d’investimento governativo cinese interessato ad aprire una connessione d’affari con l’Isola.

Dopo l’incontro con il sindaco di Cagliari Massimo Zedda – la delegazione formata dagli Amministratori Delegati di Only Italia e del fondo, Irene Pivetti e Chaney Cheng, è stata ricevuta a Villa Devoto dal presidente della Regione Francesco Pigliaru.

Sabato la delegazione si è spostata a Porto San Paolo e Golfo Aranci, il tour poi si è chiuso con una visita anche a La Maddalena.

E’ la seconda volta che visitiamo la Sardegnaha detto Pivettiabbiamo proposto di allungare fino alla Sardegna la rotta di una delle tante crociere che partono dalla Cina“. Nel giro precedente “siamo stati in vari comuni della Gallura, oggi siamo a Cagliari per conoscere meglio la realtà del porto e della città, ma anche per sondare l’impegno del governo regionale“.

Cosa cercano gli investitori cinesi? Sicuramente “la qualità della vita, la dieta mediterranea come fattore di benessere, lo sport all’aria aperta, questa è la connotazione che si vorrebbe dare a questo tipo di flusso turistico”.
Dopo questa visita,
ha aggiunto la Pivetti, “vorremmo mettere un punto, ponderare i molti dati raccolti e declinare il tutto in un vero masterplan e in una timeline perché questo è un progetto istituzionale che vuole durare e ci auguriamo che sia da traino ad altri che abbiano voglia di investire“.

Per l’avvocato Chen, “la Sardegna è un paradiso ed è l’unico posto in Europa in cui al momento pensiamo di investire“.

Il governatore Francesco Pigliaru ha ricordato che “i cinesi sono la componente principale della crescita del turismo nel mondo, per prima cosa visitano Roma, Firenze e Venezia, a noi interessa il secondo giro che seleziona un turismo interessato alla cultura, al paesaggio e al silenzio. Ci interessaha aggiunto Pigliaruaccelerare questa connessione della Sardegna alla Cina in modo il più possibile diretto. E’ anche importante il fatto che il fondo sia interessato a infrastrutture turistiche, da quelle portuali a quelle alberghiere“.

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.