PD, il Governo Lega-5S vuole chiudere i piccoli ospedali, tra cui La Maddalena

.

CAGLIARI(ansa) – La Regione è pronta a difendere in tutte le sedi la propria autonomia sulle scelte fatte in merito alla riorganizzazione della rete ospedaliera sulla base del decreto ministeriale 70. Lo annuncia l’assessore della Sanità, Luigi Arru, replicando al senatore del Psd’Az-Lega Christian Solinas che ha reso noto la bocciatura.

L’opposizione torna all’attacco mentre La maggioranza fa quadrato attorno ad Arru – “il governo M5s-Lega lede l’autonomia della Sardegna e vuole chiudere i piccoli ospedali” – eccetto il Pds, che continua ad avere nel mirino il titolare della Sanità: “la proposta di riordino non doveva essere vagliata da Roma“. Martedì 18 si annuncia battaglia in Aula: all’esame la mozione di censura ad Arru firmata dal Pds.

Il governo M5s-Lega chiede alla Regione Sardegna di sopprimere i presidi di Iglesias, La Maddalena, Isili, Guspini, Muravera, Bosa, Tempio, Ozieri, Ghilarza e Lanusei“. E’ l’allarme lanciato dal capogruppo del Pd, Pietro Cocco, dopo la bocciatura della legge di riordino della rete ospedaliera da parte del tavolo di monitoraggio ministeriale.

Oggi – ribadisce il consigliere Gigi Ruggeriquesto governo con in prima fila i sardi che voltano le spalle all’autonomia, chiede alla Regione di sopprimere i piccoli ospedali, i presidi specialistici e i punti nascita, prescindendo dalla loro collocazione geografica, sociale e dal loro senso dentro la rete ospedalieraNon staremo a guardare – fanno sapere entrambi gli esponenti della maggioranza – faremo tutto ciò che è necessario per garantire il rispetto della nostra autonomia e per il mantenimento di tutti i presidi ospedalieri“.

.

.

.

.

.

.

.

.

.