Dramma della solitudine a Olbia. Da sei mesi in casa con la madre morta

.

OLBIA – Un’anziana donna di 67 anni è stata trovata morta nella sua abitazione; il corpo era in avanzato stato di decomposizione all’interno della camera da letto chiusa a chiave dall’esterno. Il decesso, secondo i primi rilievi, risale ad alcuni mesi fa.

Il cadavere adagiato su un lato del materasso, al buio e mummificato, era ricoperto da un vecchio piumone ed un ammasso di rifiuti di ogni genere. Così è stata ritrovata dagli agenti della Polizia Locale Municipale la signora Maria Antonia Sanna, nata a Monti 67 anni fa e residente a Olbia.

L’anziana donna, malata e invalida, viveva con il figlio Davide Derosas, di 43 anni, operaio e musicista per passione, è stato rintracciato dagli agenti della Polizia Locale Municipale; sembrerebbe che l’uomo da tempo vivesse in auto e che facesse una vita “normale” recandosi ogni mattina al lavoro.

Il Pubblico Ministero, della Procura di Tempio, dopo l’interrogatorio ha disposto il ricovero immediato nel Reparto di Psichiatria a Sassari dove resterà sotto osservazione per almeno 48 ore.

A dare l’allarme è stato un vicino di casa che sentiva da molti giorni un cattivo odore che proveniva dall’appartamento.

Ora, perito nominato dal pubblico ministero di Tempio Pausania, si è riservato di pronunciarsi dopo aver eseguito l’autopsia.

Il decesso della donna, secondo i primi rilievi, risalirebbe alla metà di maggio scorso e sul corpo non ci sarebbero segni di violenza.

.

.

.

.

.

.

.

.

.