Musica troppo alta. Un inferno per i residenti

.

“Estate e Inverno si vive nel baccano…”

.

LA MADDALENA – Nonostante le numerose segnalazioni inviate al Sindaco di La Maddalena, al Prefetto di Sassari e alla Procura della Repubblica di Tempio Pausania, nulla è cambiando per i residenti di Piazza Comando a La Maddalena.

I tre bar presenti nella piazzalamentano alcuni cittadinicontinuano ad emettere musica a tutto volume sino a notte inoltrata e nessuno interviene. Da circa tre anni la situazione è diventata sempre più insostenibile”.

Alla musica, poi, si aggiunge anche il baccano dei giovani che litigano sulla piazza persino arrivando a compiere vere e proprie risse.

Una situazione insostenibile dettata dai frequenti spettacoli di Musica dal vivo e serate di Karaoke a tutto volume, che non rispettano le più comuni norme di senso civico.

Il sindaco di La Maddalena ha persino emesso due ordinanze che intimano ai tre bar di rispettare il limite di emissione della musica, ma niente da fare, le ordinanze sono state disattese e i controlli non vengono effettuati.”

A lamentarsi, con ripetute denunce e segnalazioni, sono due pensionati sessantenni che vivono nella piazza che si sono dovuti rivolgere ad un legale per cercare di risolvere questa fastidiosa situazione: “Addirittura una rilevazione effettuata dai tecnici dell’Arpas lo scorso anno, ha dimostrato che i decibel sono al di sopra del massimo consentito.  Chiudere le porte e le finestre non è servito a nulla, il continuo rumore fa vibrare persino i vetri, rendendo impossibile il riposo e il sonno.”

E’ veramente inaccettabile il fatto che a un bar sia consentito di trasformare il proprio locale in una discoteca a cielo aperto, che impedisce il riposo alle persone con gravi conseguenze per la loro salute” – concludono i due pensionati.

Ma c’è anche un altro problema: Cosa devono fare i giovani nel fine settimana in un’Isola totalmente trascurata e disorganizzata?

Se manca la politica giusta, quella programmata anche per i giovani, le ordinanze a cosa servono?

.

.

.

.

.

.

.

.