Allerta Meteo. Attesa bufera di scirocco in Sardegna: picchi di 100 km/h

.

AGGIORNAMENTO METEO PASQUA E PASQUETTA

.

METEO – Venti tesi di scirocco fino a 100 chilometri orari sferzeranno la Sardegna nel giorno di Pasqua. L’area maggiormente colpita sarà quella sud occidentale dell’Isola, l’Oristanese, il Sulcis e l’Iglesiente.

Lo confermano gli esperti dell’Ufficio meteo dell’Aeronautica militare di Decimomannu:Subiamo l’influsso di un vortice depressionario che si trova sull1 Spagna portando forte vento e mareggiate sull’Isola“.

Anche nella prima parte della giornata di lunedì di Pasquetta il vento continuerà a soffiare forte, con punte di 60 chilometri all’ora, ma dal pomeriggio andrà a scemare. A causa del vento sono attese mareggiate sulle coste meridionali. Il canale di Sardegna sarà molto agiato con onde anche di quattro metri, molto mosso invece il mare della parte orientale dell’Isola.

Clima mite: 20 gradi di massima, in media, sono previsti per Pasqua, lunedì in rialzo sino a 24 soprattutto nell’Oristanese.

.

AVVISO DI CONDIMETEO AVVERSE PER VENTO E MAREGGIATE

Il Centro Funzionale Decentrato della Protezione Civile della Sardegna, con un comunicato stampa (vedi) emesso in data odierna, ha diramato un AVVISO DI CONDIZIONI METEO AVVERSE (vedi), comunicando che a partire dalle ore 00.00 del 21.04.2019 e sino alle ore 06.00 del 22.04.2019, a partire dalla notte e fino alle prime ore della giornata di lunedì 22 aprile, si prevede un ulteriore rinforzo dei venti fino a burrasca da est sud-est in particolare sulla Sardegna sud-occidentale (Iglesiente, Sulcis e Oristanese). Saranno inoltre possibili mareggiate sui versanti esposti del golfo di Cagliari.

Avvertenze: Si chiede di evidenziare tramite i vostri mezzi di comunicazione alcune importanti informazioni per la popolazione: massima prudenza se ci si trova alla guida di un’automobile o di un motoveicolo in quanto, specie in presenza di forti raffiche laterali, esse tendono a far sbandare il veicolo; prestare particolare attenzione nei tratti stradali più esposti, come quelli all’uscita dalle gallerie e sui viadotti. Inoltre è opportuno evitare la circolazione con mezzi telonati e caravan.

Sulle zone costiere, alla forte ventilazione è associato il rischio mareggiate, in particolare se il vento proviene perpendicolarmente rispetto alla costa.

Per questo: prestare la massima cautela nell’avvicinarsi al litorale o nel percorrere le strade costiere evitando la sosta sulle strutture esposte a mareggiate. Evitare la balneazione e l’uso delle imbarcazioni.

.

.

.

.

.