Punte di 50° al suolo anche in Sardegna. Ma arriva il forte Maestrale

.

LA MADDALENA – In questi giorni, la temperatura della superficie – e non quella dell’aria – in alcune aree dell’Italia è arrivata anche a 50 gradi.

Le aree più roventi sono state in Puglia, Sicilia e Sardegna e alcuni punti di Campania, Lazio, Toscana e Marche. Lo indicano le immagini dell’Italia incandescente per il caldo catturate dal satellite Sentinel 3 del programma Copernicus, di Agenzia Spaziale Europea (Esa) e Commissione Ue: “L’Italia brucia di calore – scrivono in un messaggio – Devono essere state giornate difficili per i primi soccorritori e i medici”.

Nello stesso messaggio, il Servizio emergenze di Copernicus, precisa inoltre che la mappa del calore è relativa alle temperature raggiunte dalla superficie terrestre e non dall’aria:

  • Color Nero: 50°;
  • Color Rosso: 40°;
  • Color Arancione: 25/35° (le aree più fresche):

Nel frattempo, con l’arrivo del Maestrale, “Una linea di instabilità in progressione dal mare e canale di Sardegna potrebbe provocare dei piovaschi e locali rovesci e non si possono escludere isolati temporali”. Così annunciano gli esperti Meteo in queste ore, con la massima rotazione dei venti dai quadranti occidentali e con graduale discesa delle temperature.

Da questo pomeriggio, infatti, sulla Sardegna entrerà il maestrale e nella giornata di domani – mercoledì 14 gosto – come preannunciato, è previsto un vero e proprio crollo termico con temperature giù di oltre 10 gradi.

Questa mattina a La Maddalena si registrano cieli sereni ma con la possibilità di una parziale nuvolosità in transito durante le prossime ore.

  • La temperatura massima registrata è di 30°C, la minima di 23°C e lo zero termico si attesterà intorno ai 4.267 mt.
  • La pressione al suolo è di 1.013 mb.
  • I venti sono tesi e provengono da Ovest (Ponente), con una intensità che raggiungerà i 40/45 Km/h.
  • Il mare sulle Bocche di Bonifacio è molto mosso.

.

.

.

.

.

.