Gianluca Cataldi. “La revoca del finanziamento di € 600.000 per la mobilità sostenibile”

.

LA MADDALENA – Dopo le polemiche suscitate sui social locali, per il mancato finanziamento di €. 600.000 da parte del Comune di La Maddalena, destinato dalla Regione Sardegna (vedi) per l’acquisto e l’impiego di nuovi mezzi elettrici, così come apparso anche sulla testa web La Maddalena Tv, con l’articolo a firma dell’ex consigliere comunale – (Amministrazione Comiti) – Massimiliano Marras (vedi), interviene l’Assessore Gianluca Cataldi:

Ogni tanto c’è qualcuno che, tra un bicchiere di vino ed un bicchiere di birra, trova il tempo per diffondere notizie palesemente errate o carenti, per il solo gusto – forse perché inebriato da una rinnovata voglia di sedere nuovamente in consiglio comunale – di mettere in cattiva luce l’amministrazione comunale.

Evidentemente anche incapace di mettere in risalto le proprie capacità.

Nonostante la questione sia stata già chiarita in consiglio comunale, mi trovo costretto ad intervenire per spiegare, spero definitivamente, per quale ragione il finanziamento di € 600.000 per la mobilità sostenibile sia stato revocato dalla Regione Sardegna.

L’amministrazione comunale, nell’ottica di ridurre le emissioni e dare una immagine verde del proprio territorio, ha presentato un progetto di mobilità pubblica con autobus elettrici.

Successivamente, al momento dell’acquisto, però, emergeva che, sulle piattaforme elettroniche per gli acquisti della Pubblica Amministrazione, gli autobus elettrici non venivano più commercializzati a causa dello scarso rendimento e di altre problematiche tecniche.

Immediatamente, l’amministrazione comunale, domandava alla Regione, Giunta Pigliaru, la rimodulazione del finanziamento per consentire l’acquisto di autobus ibridi, ossia con doppio sistema di trazione, elettrico ed a scoppio, poiché gli unici presenti in commercio.

L’allora assessorato regionale non intese consentire alcuna rimodulazione e decise di revocare il finanziamento.

Medesima revoca è stata operata anche nei confronti di alcune aziende private che avevano ottenuto un finanziamento per l’acquisto di autobus elettrici. Ciò significa che è impossibile poter effettuare l’acquisto di un bene che non esiste.

E questo sarebbe stato impossibile anche per chi si professa come novello salvatore della patria, dietro una comoda tastiera, appunto tra un vinello ed una birretta, ignorando la serietà delle argomentazioni che vorrebbe trattare.”

Gianluca Cataldi – Assessore

.

.

.

.

.

.