Palau. Picchia a sangue il coinquilino. Arrestato un 22enne per tentato omicidio

.

PALAU – I carabinieri non hanno dubbi: voleva uccidere. Perciò hanno arrestato con l’accusa di tentato omicidio aggravato da futili motivi un 22enne con precedenti che, lo scorso venerdì, a Palau si è reso responsabile di un’aggressione gravissima ai danni del suo compagno di stanza, un altro 23enne sassarese.

L’attentatore era stato accusato dalla vittima di avergli rubato 200 euro, riposti nella valigia che si trovava nella camera in cui i due vivevano. Dopo il litigio, poi, il presunto ladro se n’era andato e la vittima aveva chiamato i carabinieri per denunciare il fatto, se non fosse che poche ore dopo il giovane accusato è tornato a casa, ha afferrato un tubo di metallo e ha cominciato a colpire il compagno al volto, che stava dormendo, con una rabbia incontrollabile.

Soccorso dal 118 e trasportato all’Ospedale di Olbia, la vittima ha riportato una frattura nasale tanto che nelle ore successive è stato sottoposto a un delicato intervento chirurgico maxillofacciale, con prognosi iniziale di 45 giorni.

Solo l’intervento degli altri ragazzi presenti nell’appartamento gli ha salvato la vita, ma nel frattempo i Carabinieri di Palau si sono messi sulle tracce dell’aggressore, che si era dato alla fuga.

È stato lui stesso a tornare a casa, forse ignaro della gravità di quello che aveva commesso, per riprendere tranquillamente le sue cose e lasciare l’abitazione, ma i Carabinieri che lo attendevano, lo hanno fermato e condotto in Carcere a Nuchis a disposizione del pubblico ministero.

.

.

.

.

.

.