La Procura di Tempio sequestra la villa del Sindaco di Olbia, Settimo Nizzi

.

OLBIA – Le accuse mosse dalla Procura della Repubblica di Tempo contro Settimo Nizzi sindaco di Olbia, sono abuso edilizio e falso. I fatti contestati riguardano presunte irregolarità nella realizzazione della sua villa in località Terrata, nel comune di Golfo Aranci.

Lo rende noto l’ANSA.

Mi sono sempre mosso nel pieno rispetto della legalità e anche in questo caso non ho commesso nessun abuso“. Così il sindaco di Olbia ed ex parlamentare di Fi, Settimo Nizzi, si difende dall’accusa mossagli dalla Procura di Tempio Pausania: “Sto vivendo un incubo a causa di fatti rilevati con troppa leggerezza, ma ho piena fiducia nella giustizia e nel tribunale del Riesame“.

I suoi avvocati, Sergio Deiana e Leonardo Salvemini, hanno infatti già presentato ricorso per ottenere il dissequestro della villa. “È stato realizzato tutto in base alle licenze rilasciate dal Comune di Golfo Aranci spiega ancora Nizzii lavori sono iniziati nell’ottobre del 2016 e non del 2017“.

Quanto all’accusa di aver trasformato la cantina, il sindaco ribatte: “…è solo perché ci ho messo una cucina. Ma nulla – è stato fatto senza autorizzazione“.

.

.

.

.

.