4 novembre: Le celebrazioni in Sardegna

.

LA MADDALENA – Si è celebrata ieri mattina la consueta ricorrenza del “Giorno dell’Unità Nazionale” e la “Giornata delle Forze Armate” con una cerimonia solenne, alle ore 09.15 in piazza Garibaldi, di fronte al Municipio, alla presenza delle autorità civili, religiose e militari, con il picchetto armato della Marina che ha reso gli onori alla deposizione di due corone alle lapidi dei caduti, a cura del Comune di La Maddalena e del Comando Militare di Presidio della Marina.

A Sassari, il Reggimento della Brigata Sassari, da sempre riconosciuto quale unità d’eccellenza della nostra fanteria, fedele al proprio motto ‘Sa vida pro sa patria’, che ha contribuito a dare lustro all’Esercito e all’Italia in ambito internazionale” ha reso omaggi ai caduti di tutte le guerre. Per l’occasione, è stato letto uno stralcio della motivazione con la quale, il 22 ottobre scorso, è stata concessa l’onorificenza di Cavaliere dell’Ordine Militare d’Italia alla Bandiera di Guerra del 151° Reggimento fanteria “Sassari”.

Oltre alla cerimonia solenne, i cittadini hanno potuto visitare il museo storico dei ‘Dimonios’ nella caserma La Marmora, sede del comando Brigata.

Porte aperte con spazi per eventi e mostre anche nelle caserme Gonzaga a Sassari, Monfenera a Cagliari e Pisano a Teulada.

A Cagliari le celebrazioni sono cominciate con la deposizione delle corone d’alloro al Monumento ai Caduti e poi proseguite nella sede del comando Legione Carabinieri Sardegna.

Cerimonia anche a Porto Torres con il ricordo dei caduti e l’omaggio al finanziere Salvatore Cabitta, ucciso 53 anni fa da un gruppo di terroristi altoatesini, e del carabiniere Walter Frau, ucciso dai banditi nella strage di Chilivani, il 16 agosto 1995.

.

.

.

.

.