Il Turista segnala: “Degrado sulla magnifica Isola di Caprera”

.

LA MADDALENARiceviamo (per conoscenza) e pubblichiamo (come richiesto dall’interessato), la segnalazione pervenuta a questa redazione in data odierna dal Signor Gherardo Quario Rondo, nella quale indica il Degrado sulla magnifica Isola di Caprera, con richiesta di intervento da parte del Sindaco di La Maddalena, del Direttore dell’Ente Parco e della locale polizia municipale:

________________________________________

Da:  gherardo quario  

A:    sindaco@comunelamaddalena.it, direttore@lamaddalenapark.org

Cc:  pm.comandante@comunelamaddalena.it, 

        redazione@guardiavecchia.net

Data: martedì 5 novembre 2019 – 10:54

Oggetto: Degrado sulla magnifica isola di Caprera

Gentile Sindaco e Direttore ente Parco,

destino a Voi e agli assessori Guccini, Cataldi, Gulino (di cui non ho recuperato il contatto) la presente mail, affinchè possiate porre rimedio ad una situazione di elevato degrado che ho avuto modo di constatare sull’isola di Caprera in data 2 Novembre 2019. Spero che insieme alla Polizia Locale che ci legge in copia, possiate intervenire per intercettare gli incivili che contribuiscono a danneggiare l’isola di Caprera e il suo patrimonio naturalistico/paesaggistico. Infine, metto in copia anche il giornale locale Guardia Vecchia, affinchè tramite il gruppo “Un arcipelago senza plastica” (di cui ignoravo l’esistenza fino a 1h fa), diffonda ulteriormente la cultura ambientale.

Sabato 26 Ottobre, ho percorso il sentiero nr. 1 che dal CVC, mi ha condotto fino al ponte di collegamento con La Maddalena. Inoltre, Sabato 2 Novembre, dopo due splendide settimane di vita e di vela presso il CVC,  prima di fare rientro su La Maddalena ho colto l’occasione per effettuare un breve trekking sui sentieri che dal CVC conducono al Compendio Garibaldino. Gli ambienti e i panorami sono grandiosi e la bellezza commovente. Tuttavia ho dovuto constatare quanto segue:

1) Facendomi una nuotata nella bella cala vicina a Isola dell’Aglio, notavo sul fondo a circa 4 mt di profondità, numerosi copertoni di automobile, ormai semi sepolti dalla sabbia, ma ancora chiaramente visibili. Inoltre nuotando nella bellissima Cala Ferrigno (Isola di Spargi), notavo copertone di auto affondato a circa 7 mt. di profondità, uscendo sul lato dx della cala.

2) Elevata sporcizia e pattume sparso in terra nei pressi di inizio/fine sentieri, specialmente in prossimità del compendio garibaldino (sentiero nr.8) e lungo il sentiero nr. 1. Vedasi foto

3) Elevato degrado del bar antistante l’ingresso del compendio Garibaldino. Tutt’attorno ci sono rifiuti sparsi e nell’area retrostante al bar c’è una colonia felina di randagi. Il degrado qui è massimo: escrementi e cibo sparso in terra, contribuiscono a danneggiare e a rendere indecorosa un’area che al contrario, dovrebbe permettere di apprezzare al meglio i fasti del passato. Vedasi immagini allegate

4) In attesa dell’autobus che mi riportasse a La Maddalena porto, un’auto con a bordo due individui (vedasi foto) scaricava a bordo del bar secchiate di cibo per i maiali selvatici e qua e là  cibo per la colonia felina, contribuendo ad amplificare la sporcizia presente tutt’attorno. Nonostante gli abbia fatto notare che dare il cibo ai porci selvatici e ai gatti non fosse salubre, nè idoneo, mi è stato risposto che essi sono stati autorizzati a farlo. Dubitando di questa affermazione, ho deciso di scrivervi affinchè possiate intervenire e migliorare questa grave situazione. Vedasi immagini allegate

Ringraziandovi, porgo distinti saluti.

Gherardo Quario Rondo

.

.

.

.

.