Sanità. Inviata al Ministero la richiesta per la riapertura del Punto Nascita a La Maddalena

.

CAGLIARI E’ ufficiale: La Regione ha chiesto al ministero della Salute una deroga per poter riaprire il punto nascite all’ospedale “Paolo Merlo” di La Maddalena, chiuso da tre anni per effetto della legge nazionale che impone la soppressione dei punti nascita al di sotto dei 500 parti l’anno.

Lo ha reso noto all’ANSA l’assessore regionale alla Sanità Mario Nieddu.

Abbiamo più volte sollevato forti dubbi sull’applicabilità del Decreto Mministeriale 70 all’interno del nostro sistema sanitario. Le ragioni sono molteplici e vanno dagli aspetti demografici, alle caratteristiche orografiche di alcune aree del territorio, dove i collegamenti non sono sempre agevoli. Peculiarità della nostra Isola che non possono essere ignorate“, dichiara l’assessore regionale alla Sanità, Mario Nieddu, annunciando di avere inviato oggi (giovedi 30 gennaio) la richiesta di deroga al Ministero.

La legge non fa distinzioni, una rigidità che porta inevitabili diseguaglianze nel diritto di accedere alle cure. Auspichiamo che da Roma ci sia un’apertura in questo senso e di poter contare su una risposta in tempi rapidi“.

.

Pronta la deroga per il punto nascita di La Maddalena

Soddisfazione per questo passo compiuto dall’assessorato è espressa dal capogruppo della Lega in Consiglio regionale, Dario Giagoni, che sulla sua pagina Facebook, scrive:

La richiesta di deroga per riaprire il punto nascite a La Maddalena era un nostro preciso impegno ben prima di essere eletti. La Maddalena, infatti, rivendica il suo status di isola nell’isola e, proprio per questo, la sua posizione doppiamente svantaggiata su più fronti.

Grazie all’assessore Nieddu per aver tenuto fede a questa promessa per noi tanto importante! – Da ben prima della nostra elezione abbiamo preso un impegno importantissimo con le mamme di La Maddalena: fare richiesta di deroga per il punto nascita qualora le urne avessero affidato noi l’onore e l’onere di governare questa regione.

Oggi possiamo, con un po’ di giusta emozione, affermare di essere orgogliosi di aver tenuto fede a questo impegno!” Commenta così il capogruppo Lega in Consiglio Regionale Dario Giagoni, il tanto atteso passo in avanti verso la riapertura del punto nascita.

Un impegno preso anche dallo stesso Matteo Salvini durante la sua visita sull’isola il 17 Febbraio scorso, e dal nostro ex Commissario regionale Eugenio Zoffili che senza paure ne remore ha sposato in toto la ormai celebre battaglia dei pancioni.

Quello dell’Assessore alla Sanità Mario Nieddu, che non posso esimermi dal ringraziare di vero cuore, è un atto di oculatezza che tiene conto delle oggettive criticità cui è soggetto il territorio in esame. La Maddalena, infatti, rivendica il suo status di isola nell’isola e, proprio per questo, la sua posizione doppiamente svantaggiata su più fronti.

Siamo consapevoli che il percorso non può certo dirsi concluso con questo nostro atto, ma potrebbe ancora rivelarsi lungo e non scevro di ostacoli, ma siamo ottimisti e, soprattutto, siamo pronti a proseguire su questa strada al fianco dei cittadini, come fatto sino ad ora, coinvolgendoli attivamente e rendendoli partecipi. Ora la nostra attenzione si concentrerà sulle altre richieste di deroga per punti nascita promesse, in attesa di ricevere, come ci auguriamo, un positivo riscontro dal Dicastero!”

.

.

.