Spiagge, ristoranti e trasporti. In arrivo le linee guida regionali

.

Solinas: “Lavoriamo per riportare la Sardegna alla normalità”

.

CAGLIARI – La Regione Sardegna è al lavoro per declinare le linee guida Inail sul territorio, con particolare riferimento alle regole per la riapertura di bar, ristoranti, trasporti, spiagge.

Il governatore Christian Solinas ha parlato delle necessità di adattare le regole “in base alle specificità locali ed alla sostenibilità delle stesse con una marcata attenzione per la semplificazione e la ragionevolezza“.

Al termine della riunione con l’esecutivo e gli altri governatori ha chiarito che “le Regioni – avvalendosi della conoscenza del territorio e del monitoraggio costante della situazione sanitaria – adotteranno delle decisioni in autonomia descrivendo norme di dettaglio per la ripartenza ed assumendo le linee guida elaborate dall’Inail come principi di carattere generale“.

Tra oggi e massimo domani la Regione dovrebbe avere pronto un suo testo con le regole riviste da mostrare a chi lunedì riaprirà i battenti.

Stiamo lavorando per far tornare alla normalità la nostra regione e il Paese. Già da lunedì prossimo vogliamo dare certezze alle aziende, ai lavoratori e ai cittadini per permettere loro di riprendere a vivere la quotidianità con regole certe che tutelino salute e libertà“, ha dichiarato ancora il governatore.

Il presidente ha ricordato che «già da qualche tempo la Regione Sardegna ha assunto la decisione di consentire la ripresa immediata di attività commerciali e artigianali per la cura della persona, parrucchieri, centri estetici, gioiellerie, profumerie, negozi di abbigliamento e di calzature». Ora, «stiamo definendo la prossima riapertura delle nostre spiagge, dei trasporti, dei bar e dei ristoranti sempre nella massima sicurezza ma restituendo la speranza ed il lavoro a migliaia di operatori e cittadini duramente provati da mesi di chiusura».

1milione di euro per i Comuni Costieri

Le spiagge saranno accessibili probabilmente entro la settimana prossima. Nel frattempo la Giunta prepara il terreno e stanzia un milione per i Comuni costieri per gli interventi di salvamento a mare. «Nonostante la grave emergenza sanitaria che la Sardegna sta affrontando, vogliamo restituire ai cittadini la possibilità di usufruire in sicurezza delle spiagge e del mare sardo», ha detto Solinas.

.

.

.