Spiagge. Cavi tarozzati ancora non posizionati dall’Ente Parco, pregiudicano la sicurezza dei Bagnanti

.

I controlli vengono fatti, ma il problema nasce dai
cavi tarozzati mancanti

.

LA MADDALENA – Al 4 luglio, in piena stagione estiva, le spiagge dell’Arcipelago di La Maddalena risultano ancora una volta in ritardo con il posizionamento dei cavi tarozzati. Una misura di sicurezza, si precisa, che sarebbe di competenza del Comune, ma che da sempre – (per convenzione tra Enti) – viene attuata dall’Ente Parco che aveva preso precisi impegni su tali misure.

Un sistema di sicurezza necessario per garantire la salvaguardia dei bagnanti che però da alcuni anni a questa parte, viene meno agli impegni presi.

Nonostante i numerosi controlli ed interventi continui intrapresi della Guardia Costiera e dalle altre forze di polizia navali, la stagione estiva – anche quest’anno – si apre con le stesse difficoltà. L’Ente Parco, inspiegabilmente, non riesce a posizionare questi cavi di sicurezza per tempo e le spiagge continuano a rimanere vulnerabili dal continuo passaggio di natanti sotto costa.

Il serio problema nasce, ancora una volta, dalla bellissima spiaggia di Cala Coticcio, a Caprera, utilizzata da molti diportisti provenienti dalla Costa Smeralda, dove a contrastare gli arrembaggi indiscriminati sulle spiaggia sono gli stessi bagnanti locali, tra cui alcuni volontari del “Gruppo Un Arcipelago senza Plastica” che, con notevoli difficoltà, cercano continuamente di allontanare dagli arenili i diversi diportisti maleducati, atteso l’arrivo della Guardia Costiera.

Come ogni anno, numerosi residenti e non chiedono all’Ente Parco di La Maddalena di attivarsi al più presto possibile affinché vengano posizionati i cavi tarozzati sulle spiagge – e senza puntare il dito sulle Forze di Polizia – spesso costrette ad apparire ingiustamente come espediente, perché da sole non possono certamente sopperire a questa evidente manchevolezza istituzionale.

Sarebbe come dire: …il semaforo all’incrocio non funziona, la colpa è della polizia stradale!

.

.

.