Interviene con l’Ambulanza per un soccorso, volontario pestato selvaggiamente

.

I Carabinieri sono sulle tracce dell’aggressore, scappato a bordo di una Mercedes Classe A dopo avere tentato di investire gli altri operatori sanitari

.

ARZACHENA Questa mattina intorno alle 5, l’equipaggio della ambulanza Echo15 – in servizio 118 – di base ad Abbiadori (Arzachena) è stato chiamato per un intervento nei pressi della discoteca Just Cavalli.

Arrivati sul posto, gli operatori si sono subito prestati a dare soccorso a un  ragazzo a terra.

Altri ragazzi a bordo di una Mercedes Classe A di colore giallo, sopraggiunti sul posto, hanno cercato di passare sul lato dell’ambulanza e non essendoci riuscito a causa degli spazi ristretti, il conducente è sceso urlando accusando l’autista dell’ambulanza “di rovinargli la vacanza”. Di tutta risposta, l’autista del mezzo di soccorso, Pietro Paolo Cossu, invitava il conducente della Mercdes di attendere la conclusione dell’operazione di soccorso e a quel punto il ragazzo gli sferrava un pugno in piena faccia scatenando una vera e propria una rissa. Gli altri membri dell’equipaggio dell’ambulanza, Gabriele Mura e Samuele Porcu, cercavano subito di recuperare l’autista della Echo15 che si trovava sotto piena aggressione e mettersi in sicurezza. Il conducente della Mercedes, risalito a bordo della sua auto,  nell’allontanarsi cercava di investire l’equipaggio!

Morale della favola: Pietro Paolo Cossu, nell’esercizio della sua funzione pubblica di soccorritore del 118, si è ritrovato in ospedale con la frattura scomposta al setto nasale!

Come potete vedere dalla foto, queste sono le condizioni del nostro autista aggredito.

Siamo abbastanza arrabbiati e amareggiati. Impegnamo il nostro tempo a fare del bene, a fare del volontariato e veniamo ripagati con queste cose!

Continueremo a fare il nostro lavoro… ma non possiamo continuare così!

Sulla vicenda indagano i Carabinieri di Arzachena che hanno già fatto la segnalazione alla Procura della Repubblica di Tempio.

Protezione Civile Agosto Ottantanove – Arzachena
.
.
.