Annalisa Gulino presenta la sua squadra: “Progetto Isole”

.

LA MADDALENA – Per la prima volta, a luglio u.s., è stato adottato dal Comune di La Maddalena lo strumento urbanistico tanto atteso, il piano dei litorali, tutto a favore della comunità, grazie al lodevole impegno dell’Assessora Annalisa Gulino, che non ha perso un solo minuto del suo tempo prezioso, impegnandosi per questo importante progetto a lungo termine. Uno strumento di particolare importanza per il nostro Arcipelago che conta più di 180 km di coste con tante opportunità per le imprese, per le associazioni che operano nel campo della nautica, per gli operatori delle strutture ricettive e con una buona fruizione delle spiagge.

Nel mese di Febbraio u.s., inoltre, aveva portato a casa un altro obiettivo importante: il Piano Particolareggiato del Centro Storico Cittadino in adeguamento al PPR e al PAI, pubblicato sul BURAS della Regione Sardegna.

Insomma, Annalisa Gulino, architetto, 47 anni, ci riprova e si presenta alle prossime elezioni comunale, questa volta come candidato Sindaco.

Ieri pomeriggio, in conferenza stampa, la Gulino ha presentato la sua squadra “Progetto Isole”  in competizione alle prossime elezioni comunali e, aprendo con il suo intervento, ha precisato di aver messo la sua personalissima impronta con nuove idee, nuovi obiettivi e attenzione nella formazione della squadra, scegliendo in particolar modo specifiche professionalità.

Al suo fianco, anche due figure politiche della precedente amministrazione, come Alberto Mureddu e Roberto Ugazzi, da lei stimati colleghi e collaboratori per la loro esperienza politica e perché conoscitori della macchina amministrativa, per le quali potranno dare un valido apporto a tutta la squadra.

È una squadra con diverse anime che hanno sposato un progetto comuneha poi detto la candidata Sindaco Gulino: In lista sono presenti:

  • Irene Fancello, laureata in Scienze dell’educazione;
  • Manila Salvati, imprenditrice settore immobiliare e turistico;
  • Melissa Murri, imprenditrice del commercio;
  • Francesca D’Onofrio, infermiera professionale e referente Usca;
  • Fabiola Spignese, istruttrice fitness e docente Coni;
  • Alberto Mureddu, ex dipendente Ministero Difesa – attuale delegato Manutenzioni;
  • Francesco Di Muro, ingegnere biomedico;
  • Roberto Ugazzi, ex dipendente Ministero Difesa – attuale presidente del Consiglio;
  • Marino Loverci, ufficiale Marina mercantile;
  • Stefano Cataldi, medico chirurgo al Paolo Merlo;
  • Pietro Aversano, imprenditore di pesca-turismo e lavora nell’azienda di famiglia;
  • Davide Grondona, opera in campo immobiliare e ricettivo;
  • Pierpaolo Cicconi, infermiere professionale;
  • Maurizio Giudice, architetto;
  • Adolfo Impagliazzo, ex dipendente Telecom in pensione”.

Un gruppo composto da nuovi elementi, professionalmente ben preparati, con esperienze lavorative che abbracciano il tessuto sociale maddalenino, come il turismo, la sanità e il commercio, a cui la stessa Gulino ci tiene ad evidenziare, ribadendo le qualità dei suoi compagni di viaggio soprattutto per le loro particolari esperienze maturate nei rispettivi ambienti di lavoro.  “Senza dimenticare l’apporto di entusiasmo e di visione del mondo che arriva dai giovani maddalenini, quei trentenni coraggiosi che non sono fuggiti, ma hanno scelto di vivere e lavorare alla qui a Maddalena. Abbiamo scelto di dire la verità alla nostra gente, quindi non promettiamo nulla. Conosciamo bene le criticità di quest’isola e in questi cinque anni trascorsi nella precedente amministrazione, abbiamo sviscerato tutte le dinamiche locali. Continueremo a seguire un percorso già tracciato, come la pianificazione urbanistica e quella dei litorali pensata per garantire lo sviluppo ma nel rispetto dell’ambiente”. Argomento questo, seguito personalmente dalla Gulino.

“Molti nodi chiave dello sviluppo della nostra Isola sono di competenza regionale, come la sanità, l’ex arsenale, il Club Med e noi intendiamo far sentire la voce dei maddalenini e arrivare alla fine di ogni percorso di valorizzazione architettonico e culturale di quei beni, con la stessa Regione al nostro fianco. Altre strade sono ovviamente da tracciare.

Nei prossimi cinque anni di amministrazione, affronteremo il nostro impegno con costanza e trasparenza, senza tralasciare nulla, dialogando con tutti gli enti che nel nostro territorio hanno le loro competenze. Parco compreso. Chi mi conosce sa che sono persona equilibrata e diplomatica, ma altrettanto determinata”.

La nostra attenzione – ha concluso Annalisa Gulino – in particolar modo, sarà rivolta con priorità a chi è in difficoltà, agli anziani e alle persone con disabilità.”  

.

.

.