Fp CGIL Sanità Gallura. “La tecnologia non basta, bisogna assumere il personale”

.

OLBIA – La F.p. C.G.I.L., a seguito dell’ articolo apparso sulla Nuova Sardegna intitolato “Il futuro degli Ospedali minori è tanta tecnologia”, prende atto dell’assoluto anacronismo con cui il Commissario ATS Temussi in piena pandemia, appena siglato il patto per il rilancio del lavoro pubblico, in piena controtendenza sui tagli orizzontali, frutto delle politiche liberiste basate proprio sulla economia di scala, ripropone tagli orizzontali narrando di un radioso futuro dovuto ad una grandissima tecnologia che scenderà sulla popolazione maddalenina e tempiese come la panacea di tutte le criticità legate al Servizio Sanitario Gallurese.

Fatto salvo l’orizzonte della telemedicina, il nostro territorio è carente sia dell’ordinario tecnologico, ma perfino e soprattutto dei professionisti che dovrebbero utilizzarlo per fare diagnosi, figuriamoci per le cure, degli utenti.

Ci sarebbe piaciuto, invero, che il Commissario Temussi ai rappresentanti dei due Comuni interessati, La Maddalena e Tempio, avesse con chiarezza e schiettezza illustrato la proposta del Nuovo Piano Sanitario Triennale, soprattutto sul tema dicome “Migliorare l’efficienza organizzativa dell’assistenza ospedaliera”, laddove si propone:

“Il miglioramento dell’efficienza organizzativa dell’assistenza ospedaliera è il risultato atteso come conseguenza della riconversione e riqualificazione di alcuni stabilimenti ospedalieri con accorpamento delle strutture che attualmente non garantiscono i volumi minimi di attività…”Ridefinizione dei ruoli degli stabilimenti ospedalieri” da realizzarsi con il contestuale sviluppo di una “ Organizzazione a rete”, intesa come un insieme di strutture legate fra loro da connessioni continue, con una riconfigurazione dell’offerta in termini di tipologia di prestazioni; dando così esempio di un vero cambio di passo, invece della solita narrazione su un radioso futuro mai perseguibile. Occorrono assunzioni stabili, e servizi di prossimità, altrimenti questa pandemia non solo non ci avrà insegnato nulla, ma lascerà un’assoluta inadeguatezza dei servizi… altro che tecnologia.

Jessica Cardia

Segretaria Territoriale Sanità Fp Cgil Gallura

.

.

.