Il Caso Covid. In Alto Adige alunni e professori contagiati, alcune classi ritornano in Dad

.

BOLZANO(ansa) – In Alto Adige, dove l’anno scolastico è iniziato il 6 settembre, “alcune classi sono già in Dad” per casi di positività tra alunni e professori. Lo ha confermato il presidente della provincia autonoma Arno Kompatscher, ricordando come la Provincia abbia messo in campo un programma di screening a tappeto nelle scuole.

Lo screening ci aiuterà ad evitare grossi focolai“, ha spiegato Kompatscher.

Lo screening altoatesino si aggiunge a quello nazionale a campione, ha precisato Kompatscher. “Il ministero alla Salute non ritiene solo utile il nostro screening, ma lo valuta positivo, utile e necessario. Per questo motivo andiamo avanti. I primi casi nelle scuole sono stati scoperti perché le persone, in un modo o l’altro, vengono testate“. 

Di fatto, 8 giorni dopo l’avvio delle scuole, nella Provincia autonoma di Bolzano i contagi si iniziano a certificare, così come è accaduto in Israele e negli USA. Servirà ora una settimana per comprendere la portata del problema nelle restanti nove Regioni d’Italia e nella Provincia autonoma di Trento. Il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchiin una intervista a Repubblica – aveva detto: “Non ci sarà più una regione intera in Dad, di fronte a cluster isoleremo le scuole e isoleremo le classi“.

L’Alto Adige alla vigilia della partenza scolastica aveva avuto un numero consistente di docenti contrari al Green Pass: venti si erano sospesi dal servizio e il ministero aveva avviato la sanzione per altri cinquantotto dipendenti.

.

.

.