.

LA MADDALENA – Per lunghi anni, con grande passione e dedizione, il mitico Presidente della storica Società Ciclistica Isolana, Giovanni D’Oriano ha portato grande lustro alla nostra Isola. E questo è il più grande riconoscimento che viene attribuito al mitico Giovanni.

Nel corso degli anni, numerosi sono stati i trofei, i premi e i riconoscimenti ottenuti dalla sua Società Ciclistica Isolana, che ha visto gli atleti maddalenini conquistarli con grande passione e sacrificio sia nelle competizioni svolte in Sardegna che oltre mare.

Orgoglioso e geloso di questi preziosi cimeli che hanno fatto la storia del ciclismo maddalenino, Giovanni D’Oriano li ha sempre conservati gelosamente e curati con grande delicatezza… non avendo però una sede idonea per poterli esporre.

Ma improvvisamente qualcosa si è mossa.

Grazie al sensibile interessamento della delegata allo Sport del Comune di La Maddalena, Milena Orrù, e alla collaborazione del Comitato Festeggiamenti Santa Maria Maddalena che ha donato una bellissima teca, il sogno di Giovanni D’Oriano si è potuto realizzare, come nelle migliori fiabe: Il Comune di La Maddalena ha predisposto e assegnato il dovuto spazio per conservare tutti i premi guadagnati negli anni dal Presidente D’Ordiano e i suoi ragazzi nella Palestra Comunale di via Carducci, recentemente rimessa a nuovo.

L’evento inaugurativo si è tenuto Sabato scorso in un clima di grande commozione, anche perché a Giovanni D’Orianoignaro di quanto stava accadendo – è stata fatta una incredibile sorpresa.

Alla cerimonia, organizzata in grande stile, erano presenti tutti: dai figli Angelo e Gaetano con i nipoti, tutti visibilmente commossi, al Sindaco Fabio Lai con diversi amministratori Comunali che si sono presentati doverosamente in forma ufficiale, aderendo sensibilmente a questo importante evento che, finalmente, apre le porte ad una preziosa parte dello sport Isolano, e che tutti ora posso ammirare e apprezzare.

.

Tantissimi Auguri
al Grande e Bravissimo Giovanni D’Oriano,
Paladino dello Sport Isolano.

.

.

.