.

Comunicato

.

LA MADDALENA – A conclusione delle attività del biennio2019- 2021, il Comitato Celebrativo Capitano di Vascello MOVM Carlo Avegno procederà alla presentazione del libro contenente gli “Atti del convegno di storici-cultori sulla “Battaglia di La Maddalena (9-13 settembre 1943)” col seguente calendario:

  • 15 Nov. ore 1700 La Maddalena Sala Consiliare Comune;
  • 17 Nov. ore 1700 Sassari Sala Fondazione di Sardegna;     
  • 19 Nov. ore 1700 Cagliari sala Consiliare Comune.

Attraverso il convegno di storici e studiosi, parte integrante delle attività celebrative svoltesi sotto il Patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri e l’adesione della Presidenza della Repubblica, il Comitato, ottenuto il riconoscimento del Comitato Storico-Scientifico per gli Anniversari di Interesse Nazionale nell’assise di metà Luglio 2019, si prefiggeva l’obiettivo  di riportare alla memoria  nazionale e divulgare la vicenda della resistenza armata condotta tra il 9 e il 13 sett. 1943 nella piazzaforte di La Maddalena, contro il colpo di mano di forze d’élite tedesche messa in opera all’indomani della  proclamazione “dell’Armistizio”.

L’opera appassionata di ricerca di studiosi sardi ha consentito di appurare fatti e circostanze di questo Evento, che, rimasto  nel cono d’ombra di quella” che Raymond Aron definiva la “Grande Storia scritta con lettere di Sangue”, è, di fatto il primo esempio nazionale di resistenza armata, spontanea, e interforze di Marinai, Artiglieri e Carabinieri, che, opportunamente guidati e motivati dai rispettivi comandanti, corroborati dalla presenza di operai dell’Arsenale, si improvvisano combattenti riuscendo a prevalere, al prezzo di 28 Caduti e senza possibilità di sostegno dall’esterno, sulle più agguerrite forze d’assalto dell’epoca.

Si tratta dunque di un fatto d’arme altamente simbolico, già segnalato dal compianto prof. Manlio Brigaglia, che un anno prima incoraggiò il presidente a portare avanti la causa di riconoscimento. Nei momenti di sbandamento, La Maddalena è dunque il contesto in cui, grazie a manipoli di volenterosi, si gioca la partita dell’identità e dell’Inizio di un riscatto nazionale. Ma, a ben vedere, questo evento mostra anche un’altra caratteristica: l’assenza di eccessi di violenza da ambo le parti.

E’ proprio questo fatto ha portato il Comitato a riportare sulla targa dei caduti anche i nomi della Controparte.

Antonello TEDDE

.

.

.