.

FIRENZE(ansa) – La Polizia di Stato ha eseguito 29 perquisizioni, su tutto il territorio nazionale, a carico di appartenenti a sodalizi No Vax – No Green Pass molto attivi su canali Telegram. Per loro ipotizzati reati che vanno, a seconda delle posizioni, dalla costituzione e partecipazione ad associazione segreta, all’istigazione, all’interruzione di pubblico servizio e all’associazione per delinquere finalizzata a compiere danneggiamenti. 

Il Compartimento Polizia postale e delle comunicazioni della Liguria, con il coordinamento del Servizio di Polizia Postale  ed in collaborazione con altri Compartimenti regionali e con le Digos delle questure territorialmente competenti, su input della Direzione centrale della Polizia di prevenzione, sta eseguendo 24 perquisizioni disposte dalla Dda della Procura della Repubblica di Genova. L’indagine è stata avviata per identificare gli autori di minacce rivolte a esponenti delle istituzioni regionali e a un medico infettivologo.

Nelle stesse ore la Digos della questura di Firenze, coordinata dalla Procura della Repubblica di quel capoluogo e dalla Direzione centrale della Polizia di prevenzione, sta eseguendo altre 5 perquisizioni a carico di altrettante persone attive in rete e ricollegabili al movimento “V–V”, ritenute responsabili, a vario titolo, di associazione per delinquere finalizzata a compiere danneggiamenti ed altri reati.

A indicare a uno degli indagati gli hub vaccinali da colpire in Toscana era stato un dipendente della Asl fiorentina. In particolare, l’indagine ha evidenziato come l’indagato, originario della provincia di Pisa , che ad agosto aveva scritti slogan contro il centro vaccinale di Firenze “Nelson Mandela Forum”, fosse anche l’autore di analoghe iniziative attuate in quegli stessi giorni a Pontedera ed Ospitaletto, nel Pisano, oltre che ad Empoli, a Castelfiorentino e lungo la Strada di Grande Comunicazione “Fi.Pi.Li”. L’uomo aveva ricevuto informazioni sull’esatta dislocazione di centri vaccinali e drive through appunto da un dipendente dell’Asl fiorentina.

Telegram è la piattaforma di chat più utilizzata da No Vax e No Green Pass.  Il successo dell’app, che ad ottobre ha raggiunto quota un miliardo di download globali su Android, è nella convinzione che l’anonimato garantisca incolumità agli utenti, qualsiasi cosa scrivano. Ma le forze di polizia si sono ormai organizzate e agiscono come veri e propri “hacker“, cercando di recepire informazioni uniche dagli iscritti, che possano ricondurre alla loro identità, anche entrando negli smartphone degli utenti dopo averli infettati con file corrotti. 

.

.

.