La Maddalena celebra il Santo Patrono dei Giornalisti e degli Operatori della Comunicazione

.

REDAZIONE – Ieri alle 18, presso la Parrocchia di Santa Maria Maddalena, Don Andrea Domanski – (come da tradizione) – ha celebrato la Santa Messa in onore di San Francesco di Sales, Santo Patrono dei Giornalisti e degli operatori della comunicazione.

A Don Andrea Domanski, che nella sua omelia ha messo in risalto il lavoro di chi svolge la comunicazione pubblica con serietà e professionalità, sono giunti i sentiti ringraziamenti di tutti gli operatori maddalenini.

A termine della Santa Messa, Don Andrea ha incontrato gli operatori della comunicazione, offrendo loro un buon Vermentino di Gallura, assieme a Don Domenico, Don Adolf e Riccardo Sanna.

__________________________________________________________

.

.

San Francesco di Sales

Proveniente dal mondo dorato della nobiltà sabauda, Francesco di Sales scelse la via del sacerdozio dopo gli studi giuridici compiuti a Parigi e a Padova. L’instancabile attività ministeriale, dispiegata in una regione prevalentemente calvinista come lo Chablais, gli meritarono (all’età di 32 anni) la nomina a coadiutore del vescovo di Ginevra, a cui successe nella guida della diocesi dal 1602 al 1622. Con s. Giovanna Francesca Frémyot, baronessa di Chantal, avviò un istituto femminile (aperto anche a vedove e malate) con fini assistenziali. Fu solo per il suo alto senso di fedeltà a Roma che si piegò a trasformare la congregazione in ordine claustrale, ancora esistente col titolo di Visitazione di S. Maria. In un periodo inoltre, dominato dall’idea che la perfezione fosse raggiungibile solo nello stato sacerdotale e religioso, insegnò l’esatto contrario e scrisse al riguardo un’opera intramontabile come l’Introduzione alla vita devota Filotea

Capacità di andare controcorrente, lungimiranza, modernità, dunque, di cui Francesco di Sales aveva già dato prova nel primo confronto col mondo riformato. A mezzi classici come la predicazione e la disputa teologica egli ne aveva escogitato uno, davvero particolare: pubblicazione di fogli volanti (i cosiddetti manifesti) che, pensati come mezzo di catechesi e informazione religiosa, potevano raggiungere tutti attraverso l’affissione murale o la consegna ai singoli usci. A toni polemici e atteggiamenti severi Francesco preferì inoltre il metodo del dialogo e della dolcezza, seguendo la massima: «Se sbaglio, voglio farlo per troppa bontà piuttosto che per troppo rigore». Vi si attenne anche negli scritti (dalle oltre 30mila lettere a un capolavoro di mistica come il Trattato dell’amore di Dio), redatti fra l’altro con un linguaggio semplice e insieme elegante, coinvolgente e ricco d’immagini.

Fu dunque una giusta valutazione quella che indusse Pio XI a proclamare Francesco di Sales, il 26 gennaio 1923, patrono di «tutti quei cattolici, che con la pubblicazione o di giornali o di altri scritti illustrano, promuovono e difendono la cristiana dottrina» (Enc. Rerum omnium). E all’indomani del Vaticano II Paolo VI volle nuovamente additare il vescovo di Ginevra come modello dei giornalisti cattolici nella lettera apostolica Sabaudie gemma. È diventata poi tradizione che il testo del messaggio pontificio in occasione della Giornata mondiale per le comunicazioni sociali venga pubblicato proprio in concomitanza con la memoria liturgica del santo (24 gennaio).

Il 27 gennaio 1963 (ma si trattava in realtà di pensieri scritti nel lontano 1911) Giovanni XXIII poté giustamente dire agli iscritti dell’Unione cattolica della stampa italiana: «La figura di san Francesco di Sales non è di quelle che si possono contenere entro limitati orizzonti: essa ci si leva innanzi alla mente, alta e serena: più alta dei monti della sua Savoia, più serena del cielo ridente che si specchia nelle acque azzurre del piccolo lago di Annecy… In verità san Francesco di Sales fu il più amabile tra i santi, e Iddio lo mandava al mondo in un’ora di tristezza… Ed egli apparve ed è rimasto come l’incarnazione della pietà sorridente e forte, in cui si fondono la poesia ingenua di san Francesco d’Assisi e l’amore chiaroveggente di sant’Agostino».

(Fr. Francesco Lepore)

.

.

.