11 Maddalenini (+2) candidati alle prossime Regionali Sarde 2019

22 gen 2019

.

LA MADDALENA – Si vota il 24 Febbraio 2019 e L’armata degli aspiranti onorevoli si prepara a pontificare tutta la Sardegna.

Da La Maddalena i candidati che porteranno acqua ai ”potenti” che dovranno governare per i prossimi cinque anni sono 11 (+2):

(Gabriella Giannotti è candidata nella Circoscrizione di Cagliari e Andrea Tirotto nella Circoscrizione di Sassari.)

.

Le regole

La Regione è ripartita in 8 circoscrizioni elettorali, corrispondenti ai territori delle ex 8 province, che insieme formano il collegio unico regionale nel quale si elegge il Presidente della Regione.

Nei collegi provinciali si eleggono in totale 59 consiglieri: i seggi spettanti a ciascuna delle 8 circoscrizioni sono calcolati in misura proporzionale alla popolazione residente nei territori provinciali.

All’elettore viene consegnata un’unica scheda. E’ divisa in tanti rettangoli quanti sono i candidati alla presidenza, con a destra il nome e cognome del candidato presidente e l’eventuale contrassegno della coalizione, a sinistra i simboli delle liste collegate affiancati da una riga per l’eventuale indicazione di preferenza.

L’elettore può scegliere il candidato alla presidenza barrando il simbolo della coalizione, il nome dello stesso candidato stampato nella scheda e contestualmente una delle liste a lui collegate.

VOTO COLLEGATO

  • Se l’elettore non vota la coalizione regionale o il suo presidente ma solo la lista provinciale (barrando uno dei simboli di partito), il voto viene attribuito anche alla coalizione collegata a quel partito e quindi al suo candidato presidente.

VOTO NON COLLEGATO

  • Se l’elettore vota solo la coalizione regionale o il candidato presidente, il voto non viene attribuito alle liste del collegio provinciale e quindi non contribuisce all’assegnazione dei seggi nei collegi provinciali.

VOTO DI PREFERENZA

  • L’elettore esprime il voto per una delle liste circoscrizionali tracciando un segno nel relativo contrassegno e può esprimere se vuole un voto di preferenza scrivendo il cognome o il nome e il cognome di uno dei candidati compresi nella lista.

VOTO DISGIUNTO

  • Si può votare per un candidato presidente e per una lista non collegata al candidato prescelto, con l’eventuale preferenza.

.

Chi vince?

Viene eletto presidente della Regione il candidato che ha ottenuto il maggior numero di voti validi sommando tutti quelli ottenuti nelle 8 circoscrizioni.

Si proclama eletto consigliere regionale il candidato presidente che ha ottenuto il numero di voti validi immediatamente inferiore al presidente eletto.

Il Premio di Maggioranza viene assegnato alla coalizione collegata al presidente eletto:

il 60 per cento dei seggi del consiglio regionale se il presidente ha ottenuto più del 40 per cento dei voti;

il 55 per cento di seggi se il presidente ha ottenuto tra il 25 e il 40 per cento.

Sono escluse dall’attribuzione dei seggi – (la c.d. soglia di sbarramento) – le liste di una coalizione che ottengono in totale meno del 10% di voti di lista validi a livello regionale e le liste non coalizzate che ottengono meno del 5% di voti validi a livello regionale.

.

LE LISTE COMPLETE

.

.

.

.

.

.

.

.

.

.