POLITICA

Missione a Cagliari per salvare l’ospedale

da La Nuova Sardegna

montella_guccini

Montella Guccini vanno in Rergione

.

LA MADDALENA – Ennesima trasferta cagliaritana dell’amministrazione comunale in difesa dell’ospedale “Paolo Merlo”. Ieri pomeriggio alle 16, il sindaco Luca Montella e l’assessore Massimiliano Guccini si è incontrato con i componenti della sesta commissione del Consiglio regionale che si occupa di sanità. Sul tavolo della discussione, il piano regionale per la riorganizzazione ospedaliera, che rischia di veder cancellato, fra l’altro, il punto nascita dell’ospedale isolano. Già da alcune settimane l’organismo, presieduto da Raimondo Perra, sta raccogliendo le istanze che provengono dai vari territori della Sardegna.

Per la Gallura sono stati sentiti gli amministratori di Tempio Pausania e della Maddalena.

Ospedale-_lm_tempio

Slitta invece, a data da definirsi, la riunione della Conferenza socio sanitaria che era stata convocata per ieri.

Durante l’ultimo incontro svoltosi alla Maddalena, alla presenza dell’assessore regionale alla Sanità Luigi Arru, era stato deciso di far slittare il voto sul bilancio della Asl numero 2. Alla luce dell’ennesimo rinvio, slitterà ancora di qualche tempo.

Il presidente della Conferenza Antonio Satta, aveva rassicurato i componenti che, «qualora non fossero state accolte le rivendicazioni della Gallura», i sindaci non avrebbero votato il bilancio.

.

Il Gruppo Socio-Politico Cristiano: «La città difende il suo ospedale»

la cavaIl Gruppo socio politico cristiano si dice soddisfatto per la partecipazione di pubblico alla manifestazione in difesa dell’ospedale Paolo Merlo, tenutasi sabato scorso davanti all’Ospedale. «È stata data una chiara indicazione contraria alla chiusura o al ridimensionamento del presidioha spiegato il presidente Vincenzo La Cava nel suo comunicato stampa. Grazie ai cittadini ma anche ai sindaci e delegati delle amministrazioni di Sant’Antonio, Tempio, Santa Teresa di Gallura, Palau e Calangianus che con la loro presenza e i loro interventi hanno manifestato la vicinanza e solidarietà ai cittadini della Maddalena su un tema che li vede coinvolti, in quanto anche loro potenziali utenti dell’ospedale Paolo Merlo.

Il Gspc ribadisce ancora una volta «come sia indispensabile che il Paolo Merlo sia dotato di tutti i reparti e servizi così come deliberato all’unanimità, dal consiglio comunale della Maddalena, nella seduta del 7 agosto 2015. Chiediamo all’assessore regionale alla Sanità Arru di intervenire affinché la Asl non sospenda arbitrariamente la funzionalità dei reparti, fino alla piena definizione del piano sanitario regionale, ancora in fase di progettazione. E che non venga messo in atto alcuna modifica all’assetto funzionale dell’ospedale fino a quando i trasferimenti dei pazienti non potranno essere eseguiti in assoluta sicurezza».

.

.

.

.

.

.

.

.

.